Resina epossidica per colate ad alto spessore e inglobi

Resina epossidica per colata ad alto spessore. Adatta con inglobi di legno e metallo.

Permette di realizzare colate con spessori superiori a 3-4 cm fino a circa 10cm. Ideale per inglobi, bassa esotermia, minimo ingiallimento. Prodotto specifico per aziende e utilizzatori professionali.
Resina specifica per applicazioni ad elevato spessore, con la quale è possibile realizzare inglobi con i materiali più eterogenei come legno e metallo, grazie alla bassissima esotermia, con una unica colata di materiale. Questa resina può essere utilizzata per creare tavoli e piani per utilizzi professionali. E’ dotata di un’ottima resistenza all’ingiallimento una volta completamente reticolata, non avendo gruppi ossidabili dai raggi UV. I materiali creati con questa resina possono essere esposti anche in esterno. Conferisce un effetto vetro con un risultato di grande profondità.

Il risultato finale è una superficie unica, lucida, senza interruzioni. A differenza delle resine epossidiche per alti spessori proposte per utilizzatori privati questa è stata sviluppata per applicazioni professionali. Viscosità calibrata, resistenza alla carbonatazione, basso ingiallimento ai raggi UV nel tempo, effetto massa calcolato su superfici tipiche dell’arredamento. Il livello di durezza superficiale è idoneo per alcune operazioni di carteggiatura e lucidatura.

Resina epossidica per colate ad alto spessore e inglobi.
Resina-epossidica-ad-alto-spessore-per-legno
Resina-epossidica-ad-alto-spessore-con-metallo
La bassa esotermia di reazione di questa resina permette di inglobare i materiali più vari, limitando al massimo i problemi dovuti alla dilatazione termica. L’ambiente dove si effettua la colata deve però essere riscadato, suggeriamo temperature di 25°C per ottenere i risultati ottimali.
Informazioni tecnico-applicative generali importanti
A indurimento completo, valutabile dopo 7-10 giorni circa, la resina si presenta come un polimero trasparente con aspetto vitreo. Si può tagliare, forare e lavorare in modo simile a plastiche come il plexyglass. E’ indispensabile quando si effettuano colate di queste spessori l’utilizzo di stampi dai quali poi sia semplice il distacco.

miscelare-resina-epossidica-colate-alto-spessore
come-colare-resina-epossidica-alto-spessore
Inserire-inglobi-legno-metallo-in-colate-ad-alto-spessore
come-colare-resina-epossidica-alto-spessore-2
Le resine epossidiche a bassa esotermia non sono mai dure come le resine a basso spessore, conseguentemente la lucidatura è più difficile, soprattutto perché lucidando si produce calore che scalda la resina causandone un temporaneo localizzato rammollimento. Spesso per ottenere risultati migliori o più rapidi si opta per una carteggiatura con carte 500/1000 e successiva applicazione di un trasparente acrilico.

Si deve porre particolare attenzione quando vengono inglobati materiali porosi come legno. L’inglobo di questi materiali può avvenire solo dopo che tutte le porosità siano state sigillate. Inglobi con resine e materiali non perfettamente isolati portano a bolle in fase esotermica che poi rimangono intrappolate e non potranno essere eliminate. Devono essere isolate tutti i “buchi”, compresi viti e chiodi. In alternativa ai comuni prodotti isolanti a base acqua o solvente Cromas ha sviluppato una resina epossidica 100% ad elevata viscosità. Può essere applicata in 1-2 strati a pennello o a spatola, carteggiando tra una mano e l’altra.

Nota importante: Queste resine si applicano solo per colata su superfici piane, dove il prodotto si stende autonomamente. E’ molto importante che il piano da trattare sia controllato con la livella. Se lo stampo non viene messo a livello si ottengono colate “storte”.

A differenza delle altre resine a basso e medio spessore queste presentano tempi più lunghi, soprattutto se con masse ridotte e con elevata dispersione termica. E’ consigliato per minimizzare inconvenienti operare tra i 25°C ed i 30°C. Sconsigliamo poi di fare applicazioni su piani con spessori troppo bassi dove vi possono essere tempi di essiccazione molto lunghi e difettosità superficiali. .

Controllo-temperatura-colata-resina
Colata-con-bolle-per-legno-non-isolato


E’ importante soprattutto nei periodi invernali che l’ambiente, lo stampo e gli oggetti da inglobare siano in luogo riscaldato e non freddi. Consigliamo se possibile temperature di 25°C per ottenere i migliori risultati.

Altro fattore da tenere sotto controllo è l’umidità degli ambienti e dei supporti coinvolti dalla colata: l’umidità porta a difettosità superficiali e talvolta ad opacità.

E’ importante stoccare la resina, soprattutto nel periodo invernale, in luoghi non freddi, meglio riscaldati. Al momento dell’applicazione per ottenere i migliori risultati la resina deve trovarsi a circa 25-30°C.

L’importanza di eseguire test pre-produzione
L’utilizzo delle resine da colata ad alti spessori per scopi professionali porta ad ampliare di molto le possibilità realizzative a disposizione. Per quanto possa sembrare semplice realizzare colate di grandi dimensioni, in virtù del fatto che non sono richieste specifiche attrezzature, è sempre necessario fare dei test prima di passare alla produzione. Le differenti condizioni ambientali, strumentali oltre ai materiali da inglobare vanno sempre provati. In questo documento abbiamo cercato di offrire quanto di meglio potevamo con la nostra esperienza, ribadiamo in ogni caso la necessità di effettuare test pre-produzione.

Hai qualche domanda? Non esitare a contattarci a info@cromas.it oppure completa il form sottostante



Select user type: Privato Azienda